Sempre più spremuti e sempre gli stessi

Dal 28 Giugno al 2 Luglio si è svolta una grande mobilitazione, promossa dal Pd metropolitano, per dire che la manovra economica del governo Berlusconi è profondamente sbagliata e "spreme" sempre gli stessi, i redditi medio-bassi.  L'Anci ha già fatto qualche calcolo sulle ricadute dei tagli su Milano e provincia: 83,5 milioni di tagli all'Atm, 2000 medici e 6000 infermieri in meno in Lombardia e circa la metà a Milano, 10% di tagli sulla sicurezza e assegno di assistenza ai disabili solo per chi ha l'85% di invalidità anziché il 74%. Tagli anche alla scuola pubblica, alla manutenzione delle strade e all'illuminazione. Il tutto per un totale di oltre 512 milioni di euro nel biennio 2011-2012 e 728 milioni di euro su Milano e provincia. Dopo due anni nei quali il governo Berlusconi e il centrodestra hanno negato di fatto la crisi economica, adesso chiedono sacrifici enormi a chi ha già dato. Noi pensiamo invece che occorrano misure vere per lo sviluppo e per l’occupazione, per ridare slancio all'economia senza colpire sempre le categorie più vulnerabili.

This entry was posted in sociale. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *