Piano delle Opere Pubbliche: poche idee, confuse e dannose

Da quando si è insediata questa Giunta il quadro finanziario non varia di molto.

-Ci sono sempre i 2.387.000 della convenzione Bennet (importo destinato precedentemente al parcheggio sotterraneo. L’unica a guadagnarci dall’indecisione ed immobilismo del centrodestra è la società che da quasi tre anni non versa un euro e ci guadagna in interessi, mentre il Comune con gli stessi soldi farà sempre meno opere.

-Non c’è più la vendita dell’area di via C.Colombo (senza alcuna motivazione trasparente) che era il cavallo di battaglia di Bassani e dei suoi leghisti, ma la sostituiscono in modo terribilmente peggiore: vogliono vendere le proprietà comunali in via C.na Monza (entrata prevista 2.035.000 euro) che è in pieno parco SUD e polmone ecologico di Cornaredo ed in parte in asse perimetrale con la variante alla Statale 11 di S.Pietro all’Olmo. Apparentemente possono essere realizzate opere compatibili con il Parco SUD (quindi con volumetria triplicata), ma lo sanno tutti quanta “attenzione” dedica la regione Lombardia di Formigoni a questo Parco e quanta fatica devono fare le opposizioni (PD in testa) a tutelarne la destinazione….

-Clamoroso: il comune vuol vendere gli orti degli anziani per introitare 1.000.000 di euro nel 2013. Una scelta che solo menti politicamente misantrope possono pensare. Volumetrie al posto del verde e 70 anziani sfrattati altrove o senza un impegno che li renda attivi in un luogo di socializzazione.

-La Giunta PdL-Lega continua a prevedere entrate di oneri per la realizzazione di palazzi in un periodo di stasi del mercato edilizio (vedi difficoltà di via Repubblica e Torrette); pensa solo ai privati e non si pone il problema di realizzare case per indigenti e giovani coppie.

 

Anche da una prima analisi delle proposte di spesa si conferma l’inutilità amministrativa del centrodestra nei tre anni di governo.

-Non c’è più il parcheggio sotterraneo (meno male!)

-La RSA sembra essersi smarrita nei meandri burocratici (sebbene sia accennata nella relazione dell’assessore ai lavori pubblici, non se ne ritrova traccia in quella dell’assessore ai servizi sociali)

-Scompare l’ampliamento della piscina comunale

-Ci chiediamo che fine abbia fatto il Palazzetto del ghiaccio

Fanno la new entry opere varie in sostituzione, qualcuna clamorosa:

-nel 2013 si amplierà l’asilo nido. Dopo aver osteggiato per tre anni la proposta del centrosinistra di realizzarne uno nuovo, con i soldi del Bennet, si accorgono che c’è l’esigenza ma, bontà loro, nel 2013, con i lavori che presumibilmente termineranno nel 2014 quando i cittadini li manderanno a casa.

-Continua la manfrina della nuova sede della Polizia Locale che per giustificare la nuova realizzazione ci dicono debba essere più grande dell’attuale, che invece potrebbe essere acquistata dal Comune con un minor esborso. Con il rischio, altresì, che la nuova sede sia localizzata lontano da S.Pietro all’olmo.

-Compare il rifacimento di Piazza Libertà (1.570.000 di euro nel triennio). Una spesa enorme in questo periodo di crisi quando basterebbero più semplici interventi per renderla più funzionale e destinarne ulteriori per completare l’arredo urbano e la riqualificazione di via Ponti e via Garibaldi (che sembrano non rientrare nella richiesta di progettazione portata avanti dall’amministrazione) oltre che di via Roma, IV Novembre e Cavour. Senza dimenticare che bisognerebbe favorire l’utilizzo del parcheggio di via Ghisolfa (300 posti) e quello adiacente a Piazzetta Dugnani.

-Continuano a prevedere importi enormi per la recinzione parchi e solo residui importi per la sicurezza scolastica e del patrimonio e/o per l’eliminazione dell’amianto

This entry was posted in ambiente, interventi, lavori pubblici, locale, territorio, Uncategorized and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *