IL PD CORNAREDO SOSTIENE IL DDL CIRINNA’

Il Circolo di Cornaredo sostiene il disegno di legge PD sulle unioni civili ed auspica una approvazione rapida da parte del Parlamento.
Il 28 gennaio è finalmente approdata in Senato la proposta di legge Cirinnà, frutto di un lungo e approfondito dibattito interno al Partito e che ha lo scopo di disciplinare l’istituto delle unioni civili anche tra persone dello stesso sesso.
La legge in discussione va oltre la registrazione formale delle coppie di fatto. Si tratta di un provvedimento organico che affronta e risolve concretamente i diversi aspetti della vita di milioni di persone che ancora oggi non godono dei medesimi diritti degli altri cittadini, vale a dire: il diritto – dovere alla reciproca assistenza in caso di malattia, la possibilità di decidere per il partner in caso di ricovero o intervento sanitario urgente, il diritto di ereditare i beni del partner, la possibilità di subentrare nei contratti (per esempio, dell’ affitto della casa), la reversibilità della pensione, la condivisione degli obblighi e dei diritti riguardanti il nucleo familiare, anche in presenza di bambini, figli naturali di uno o di entrambi i conviventi.
La proposta di legge infatti affronta anche lo spinoso tema della cosiddetta stepchild adoption, ossia la possibilità per il partner di adottare i figli naturali dell’altro. E’ certamente questo uno dei temi più delicati e sensibili contenuti nel provvedimento, ed infatti anche una parte dei parlamentari del PD ha predisposto emendamenti al testo, che pure rappresenta una sintesi dei diversi punti di vista interni al partito, riaprendo di fatto la discussione.
Il nostro auspicio è che si trovi al più presto un punto d’intesa innanzitutto al nostro interno e tra le forze del centro sinistra, fermo restando ovviamente il diritto di ciascuno a votare secondo coscienza e a dissentire. Ciò che non è più tollerabile è che l’Italia, già condannata dalla Corte Europea e più volte sollecitata dalla Cassazione, resti ancora senza una legge sulle unioni civili, un elemento di arretratezza e inciviltà che ci colloca agli ultimi posti in Europa.
Qualora, malauguratamente, la legge non dovesse essere approvata, il PD di Cornaredo intende portare avanti l’impegno preso verso gli elettori contenuto nel programma amministrativo del centro sinistra con cui abbiamo vinto le elezioni comunali del 2014 per l’istituzione presso il nostro Comune del Registro delle unioni civili.
E-ora
This entry was posted in comunicati and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *