Il 24 e 25 febbraio vota PD. Per un’Italia e una Lombardia più giuste.

Cara Elettrice ed Elettore, come saprai le elezioni del 24 e 25 Febbraio sono un passaggio fondamentale e decisivo per il nostro futuro, per la Lombardia e per l’Italia. Sarà una scelta che, sebbene dovrà indicare una prospettiva e soluzioni alla crisi sociale e economica attuale, non potrà che essere il frutto di una riflessione su come si è giunti a tale precipizio e degrado morale. Sia in Italia, sia in Lombardia. Per la nostra Regione sappiamo bene che Formigoni e la Lega non hanno saputo avviare e definire una condizione consolidata di sviluppo e di crescita economica e benessere sociale, anzi, si sono privilegiate clientele e affarismi che hanno ridotto i margini di welfare per i cittadini.   Hanno indicato il federalismo come la panacea dei problemi ed invece si è rivelata una sollecitazione demagogica utile solo ad un uso sconsiderato dei soldi pubblici con sprechi e scarsa trasparenza gestionale. Basta ricordare il caso dello scandalo delle multe sulle quote latte di cui la Lega è responsabile (che ci costerà qualcosa come 4,5 miliardi di euro), o il crack del San Raffaele, esempio della gestione malata della sanità messa in atto da Formigoni, o l'annoso problema della gestione delle case Aler, su cui sono in corso diverse inchieste della magistratura. A ciò si aggiunge l’incapacità di affrontare problemi fondamentali per l’economia e per i cittadini: fare impresa e promuovere l’occupazione. Tutto ciò in un quadro di riduzione di risorse  per i servizi (scuola, sanità, disabilità, polizie), dell’accavallarsi di scandali e inchieste che hanno svelato drammatiche contiguità con la ‘ndrangheta. E’ per questo motivo che la maggioranza Pdl-Lega ha fallito e Formigoni si è dimesso. E’ necessaria una svolta, una netta discontinuità, sul piano della moralità pubblica e del progetto di rilancio della Lombardia e Umberto Ambrosoli, candidato a Presidente della Regione, saprà ridare quella credibilità che da molto manca alla nostra Regione che ha da tempo abdicato alla sua centralità storica per l’Italia e per l’Europa. Un progetto che prevede più equità, più solidarietà, più lavoro e meno diseguaglianze. Il Partito Democratico sostiene questo progetto che è stato anticipato con uno straordinario  percorso di  partecipazione e ascolto, grazie alle primarie, che consentirà al Partito Democratico di avere il 40% di presenza femminile in Parlamento, molti giovani e due terzi di futuri parlamentari alla prima esperienza. Cittadini capaci, onesti, competenti, che hanno una solida esperienza nei campi del sapere, del lavoro e delle professioni, nelle amministrazioni locali, nelle associazioni e nei servizi e che affiancheranno  Pierluigi Bersani e  Umberto Ambrosoli alla guida auspicabile dell’Italia e della Lombardia. Ma per raggiungere questo obbiettivo c’è bisogno anche del tuo aiuto. Te lo chiedo per il bene comune dell’Italia.   Ti ricordo che al Senato (scheda gialla) e alla Camera (scheda rosa) basta mettere una croce sul simbolo del PD. Mentre al Consiglio regionale (scheda verde) occorre mettere una croce sul simbolo del Pd ed esprimere la preferenza per un/a candidato/a nella lista del Pd. Forza, allora, per un'Italia più giusta e per una Lombardia libera e forte. Cordialmente,

Mary Vono

Coordinatrice del Circolo del Partito Democratico di Cornaredo e S.Pietro all’Olmo

This entry was posted in appuntamenti, elezioni, interventi and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *