Comunicato Stampa – Rendiconto 2015 e Prima variazione di bilancio

mary vono

Il bilancio consuntivo per l’anno 2015 (circa 25 milioni di euro) rappresenta il primo completo bilancio dell’attuale amministrazione di centrosinistra di Cornaredo e con la totale applicazione della nuova contabilità armonizzata. Un rendiconto che ha raggiunto gli obiettivi principali che ci si era prefissati.

Infatti l’equilibrio tra entrate e uscite correnti (circa 16 milioni di euro) è stato realizzato per la prima volta senza l’utilizzo degli oneri di urbanizzazione. Né tantomeno si è fatto ricorso all’indebitamento o ad onerose anticipazioni di cassa. Contestualmente sono stati rispettati tutti i limiti di spesa previsti dalle norme e non sono stati rilevati elementi di deficitarietà.

Un anno, quello passato, in cui anche i risultati delle partecipate (Acsa e Farmacie Comunali) sono stati molto positivi. Così come quelli derivanti dal contrasto all’evasione, grazie al lavoro svolto dagli uffici e alle scelte compiute dalle precedenti amministrazioni.

La manovra tributaria riguardante la Tasi, che in maniera responsabile questa Giunta ha adottato, ha contribuito a raggiungere, insieme al monitoraggio puntuale e alla razionalizzazione delle spese correnti, i risultati suddetti, consentendo, dopo il sacrificio richiesto ai cittadini nel 2015, di non vedere applicato nel 2016 sull’abitazione principale questo tributo e di ricevere trasferimenti statali per un importo equivalente.

Un quadro normativo differente di finanza pubblica rispetto al passato, di carattere espansivo, che a partire da novembre 2015 ha permesso di attivare investimenti in opere pubbliche di rilevante importo ed altri vantaggi sociali. Investimenti che troveranno compimento, sia in termini di realizzazione sia in termini di pagamento, nel corso del 2016. Per tale motivo l’avanzo di amministrazione registrato non solo non rappresenta uno spreco di risorse, come affermato invece in Consiglio Comunale dall’opposizione, ma anzi è quanto necessario per la realizzazione delle varie progettualità.

In particolare abbiamo applicato parte dell’avanzo disponibile (738K € rispetto al totale di 1,2 milioni) ad esempio per la concretizzazione di quanto previsto dal Bilancio Partecipativo per un totale di € 180 mila, ovvero:

  • 100 mila per la messa in sicurezza strada cascina monza
  • 18 mila per le attrezzature laboratori scuola da vinci
  • 17 mila per il laboratorio di cucito
  • 11 mila per il gemellaggio creattivo scuola iv novembre
  • 12 mila per borse lavoro disoccupati ultracinquantenni
  • 10 mila per strumenti banda musicale S.Pietro
  • 10 mila per spese creazione Fondazione Dopodinoi
  • 2 mila all’Associazione Feedback per attività culturali a favore dei giovani

Inoltre verrà dato seguito alla progettazione per la sistemazione di Piazza Libertà ed alla progettazione e ai lavori sul retro della Filanda per 249 mila euro circa. E proseguiranno i lavori di edilizia scolastica per 134 mila euro.

Si procederà anche all’assegnazione di incarichi per la progettazione per l’ampliamento della palestra Curiel e per il recupero dell’immobile confiscato di via Vanzago (€ 25 mila), all’imbiancatura dell’asilo nido di via Imbriani (€ 25 mila), all’acquisto di attrezzature per le scuole (€ 9 mila), alla sostituzione di un’autovettura della polizia locale, a manutenzioni straordinarie del patrimonio pubblico (€ 25 mila), al completamento di opere di restauro presso la Chiesa Vecchia (€ 9500), all’acquisto di attrezzature informatiche (€18 mila) e al rifacimento del sito comunale (€8 mila). Anche il debito fuori bilancio di 10 mila euro derivante da una sentenza che ha visto il Comune non soccombente nel giudizio ma che dovrà rifondere, al netto, spese legali per circa 6 mila euro, ha trovato la sua copertura attraverso questa prima variazione di bilancio.

Infine, grazie alla situazione di equilibrio evidenziata, si procederà con tutte le attività previste nel piano opere pubbliche per oltre 600 mila euro e con il completamento delle opere rientranti nel fondo vincolato pluriennale per oltre 2 milioni di euro.

Per il residuo di avanzo di amministrazione disponibile (circa 500 mila euro) l’opposizione ha richiesto, tramite un emendamento, la chiusura anticipata di mutui. Il consiglio comunale ha respinto tale proposta in virtù del fatto che a fronte di un esborso immediato di mezzo milione di euro, sarebbero state pagate penali per anticipata chiusura mutui di oltre 80 mila euro e il vantaggio per i nostri cittadini sarebbe stata di circa 6 mila euro all’anno per circa 15 anni. Eventualmente si attenderà, come è già stato nel passato, che vi siano reali possibilità di chiusura anticipata con un vantaggio effettivo per la collettività.

Sul sito comunale si possono ritrovare tutti i documenti di dettaglio e in particolare le relazioni dei vari Assessori su quanto svolto nel corso del 2015 e quanto in programma per i mesi a venire. A tutti gli uffici comunali che rendono possibile con la propria attività quanto sopra, vanno i nostri ringraziamenti. C’è e ci sarà sempre molto da fare, ma non mancano da parte di questa amministrazione idee, volontà ed energia realizzativa per esplorare soluzioni e contesti nuovi.

Maria Caterina Vono,

Vicesindaco di Cornaredo e Assessore a Bilancio, Lavoro, Trasporto, Commercio

This entry was posted in comunicati, locale and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *